Mobilità Elettrica-www.pointsistemi.it

Mobilità Elettrica

Diversi governi europei e asiatici stanno puntando sulla mobilità elettrica. Le case automobilistiche spostano sempre più investimenti sulle auto a batteria. Ma in Italia i veicoli elettrici rappresentano una quota molto bassa e manca una roadmap chiara.

In Italia, ancora, non ne circolano molte, ma in altri Stati Europei (e non) cresce l’impegno per garantirne una sempre maggiore diffusione.
Secondo i numeri del World Energy Outlook 2016, dell’Agenzia Internazionale dell’Energia, al 2040 ci saranno 150 milioni di vetture a batteria su strada.

Difficile dire ora se le previsioni siano giuste, quel che certo è che il mondo sembra andare verso l’elettrificazione dei trasporti, prova ne è che le case automobilistiche, sono a lavoro per cambiare rotta, ovvero meno auto a benzina (e diesel, soprattutto) e più auto elettriche.

Oggi sia da un punto di vista normativo che industriale si sta iniziando a standardizzare gli strumenti, ovvero, poter ricaricare tutte le auto utilizzando tutti i vari cavi e connettori presenti sul mercato collegandoli a tutte le tipologie di colonnine di ricarica, un po’ come fu qualche anno fa con i cellulari, ognuno aveva il suo, oggi invece esistono connettori standard.
 
I nostri prodotti :
 
Colonnina di Ricarica
 Colonnina_di_Ricarica

 Stazioni di Ricarica a Parete
Stazione_di_Ricarica_a_Parete_-_BASIC

Stazione_di_Ricarica_a_Parete_-_AMTRON

Cavi / Connettori :

Connettore_Mennekes_tipo_2


Per saperne di più, di seguito vi riportiamo alcune considerazioni e riferimenti normativi.

 
A livello mondiale tre diversi sistemi di prese ad innesto per il collegamento di veicoli elettrici sono stati standardizzati nella norma IEC 62196-2 e sono incompatibili tra loro. In linea di massima, tutti e tre i sistemi normalizzati soddisfano i requisiti di sicurezza elevati per l'utilizzatore. La tensione viene attivata solo quando il sistema ha rilevato che le spine sono state completamente inserite nel veicolo e nell'infrastruttura, che le spine sono bloccate e che il collegamento del conduttore di protezione è corretto. Fino a quando una di queste condizioni non è soddisfatta, i contatti sono privi di tensione.
Questo ampio sistema di sicurezza rende superflui ulteriori dispositivi meccanici di protezione, come una protezione dal contatto accidentale per la sicurezza delle dita dai contatti.
Il tipo 1 proveniente dal Giappone è concepito solo per il funzionamento monofase e le possibilità che offre per le reti europee trifasiche sono troppo poche. Pertanto il tipo 1 verrà utilizzato solo per breve tempo in Europa.
La maggior parte dei Paesi europei ha già optato per il tipo 2 grazie ai vantaggi convincenti. Per questo motivo viene già denominato "spina europea".
 
Per il mercato europeo si prendono dunque in considerazione solo i tipi 2 e 3, benché siano completamente diversi dal punto di vista costruttivo. Il tipo 2 ha un'unica geometria della spina per tutte le prestazioni di ricarica da monofase a trifase. Il tipo 3 presenta tre diverse geometrie, in funzione della prestazione di ricarica e del numero di fasi.
Il tipo 2 non richiede alcun meccanismo mobile di protezione, il tipo 3 dispone di un sistema con shutter. Il tipo 2 è anche la base per la ricarica con corrente continua attualmente in fase di normalizzazione IEC nel cosiddetto Combined Charging System.
Il tipo 2 è obiettivamente la soluzione migliore BdEW (Associazione tedesca degli operatori delle reti di distribuzione), VDA (Associazione tedesca dell'industria automobilistica), VDE (Associazione Elettrotecnici Tedeschi) e ZVEI (Associazione Centrale dell'Industria Elettrotecnica ed Elettronica) hanno messo a confronto i tipi 2 e 3.  Il risultato univoco : il tipo 2 è la soluzione migliore per l'Europa. Per il collegamento per la ricarica, il sistema tiene conto dell'infrastruttura e dei veicoli nel loro complesso.
Le prese ad innesto del tipo 2 sono indicate per l'impiego nel nord glaciale sia alle rigide temperature del nord che al torrido caldo del sud. Le spine e i connettori robusti non richiedono parti mobili che potrebbero bloccarsi a causa del ghiaccio o della polvere. Il rischio di danneggiamento viene ridotto al minimo, anche transitare sulla spina non costituisce un rischio.
La protezione ridondante a più livelli garantisce la massima sicurezza. Quando non sono inseriti, tutti i contatti sono privi di tensione come impostazione di sistema. La tensione viene attivata solo quando sono soddisfatte più condizioni contemporaneamente.
Il tipo 2 gestisce tutte le classi di potenza rilevanti a livello mondiale: dalla tensione alternata monofase in ambiente domestico e privato, fino al potente collegamento trifase a 63A.
La presa di ricarica di tipo 2 con shutter può essere utilizzata con una sola mano. Basta accostare la spina, ruotare e inserire. Estraendo la spina, il meccanismo si richiude automaticamente.
Anche altri Paesi si sono già espressi a favore del tipo 2, anche se non hanno ancora costruito alcuna infrastruttura per l'elettromobilità. Secondo il documento di posizione di Eurelectric di marzo 2012, questi Paesi considerano il tipo 2 lo "standard di fatto" per l'Europa. Altri Paesi che non hanno ancora intrapreso alcuna attività verso l'elettromobilità, aspettano il voto della Commissione Europea prima di decidere.
Alcuni Paesi desiderano una soluzione con shutter
Gli alimentatori ad innesto non richiedono alcun shutter, grazie ai dispositivi di comunicazione e sicurezza impiegati.
In alcuni Paesi europei, tuttavia, a questi alimentatori ad innesto per la ricarica di veicoli elettrici in ambito privato vengono applicate disposizioni nazionali riguardanti le prese ad innesto a uso domestico con la richiesta del grado di protezione IP XXD. Questa differenziazione incrementa la difficoltà di arrivare a offrire una spina di ricarica unitaria per l'intera area europea.
Per l'ambito privato, ad esempio, la Francia richiede una protezione dal contatto accidentale di grado IP XXD per le prese di ricarica, pertanto predilige il tipo 3.
In ambito pubblico, le prese di ricarica di grado IP XXB soddisfano comunque i requisiti giuridici e normativi.
I requisiti nazionali non possono tuttavia trasformarsi in un problema europeo. Per gli utilizzatori sarebbe inaccettabile che la ricarica dei veicoli elettrici richiedesse diversi cavi di ricarica o adattatori.
La soluzione per l'Europa: presa di ricarica di tipo 2 con e senza shutter
Per conformarsi comunque alle consuetudini di questi Paesi, Mennekes ha sviluppato un elemento aggiuntivo per il tipo 2. È nato così un sistema modulare che consente di dotare la presa di tipo 2 di uno shutter. Nei Paesi privi di tali requisiti basta semplicemente ignorare lo shutter.
In tal modo il tipo 2 è una soluzione per l'intera Europa che soddisfa al contempo i requisiti di maggiore robustezza e di protezione supplementare dal contatto accidentale. La soluzione Mennekes offre la possibilità di scegliere la protezione dal contatto accidentale desiderata, nella versione standard con grado IP XXB o ampliata di grado IP XXD. La soluzione migliore può quindi essere impiegata a livello europeo, anche laddove è richiesta una soluzione con shutter sulla base delle consuetudini di installazione. Le prese di ricarica di tipo 2 con e senza shutter sono compatibili in modo illimitato e possono essere utilizzate con lo stesso cavo di ricarica. Mennekes offre pertanto una soluzione basata sul tipo 2 che soddisfa i desideri di tutti gli operatori del mercato in tutta Europa: non vi è più alcun ostacolo alla realizzazione di un sistema di ricarica unitaria per l'intera area europea.
La presa di tipo 2 soddisfa i requisiti per la protezione dal contatto accidentale IP XXB, quindi soddisfa la totalità dei requisiti della norma IEC 62196-2 e può essere installata individualmente nelle stazioni di ricarica. Dotata di coperchietto incernierato, raggiunge il grado di protezione IP 54 contro la penetrazione di spruzzi d'acqua e polvere. Uno scarico d'acqua integrato garantisce che non si accumuli condensa dannosa.
Le prese Mennekes di tipo 2 dispongono di un attuatore di blocco che blocca la spina durante la procedura di ricarica. In abbinamento alla linea di controllo dell'attuatore Mennekes, la funzione integrata di sblocco rilascia nuovamente la spina in caso di interruzione di corrente. Il fissaggio a quattro punti garantisce tenuta sicura nella stazione di ricarica e consente anche un fissaggio nascosto antivandalo. La presa è così protetta da manipolazioni dall'esterno. Tutti i contatti sono equipaggiati con morsetti a vite. Nella struttura dei morsetti è confluito il know-how di Mennekes come produttore leader di prese industriali.
La presa di tipo 2 con shutter tiene conto delle consuetudini nei Paesi con obbligo di shutter per le prese domestiche. Lo shutter fornisce la protezione dal contatto accidentale di grado IP XXD ed allo stesso tempo è conforme al grado di produzione IP 44 (protezione dagli spruzzi d'acqua). Dal momento che per la presa shutter viene utilizzata la stessa base dell'esecuzione standard, questa offre gli stessi vantaggi della versione standard. L'utilizzo è molto semplice, basta anche una sola mano. L'anello all'interno della presa viene ruotato con la spina di circa 60 gradi verso sinistra. In tal modo si apre lo shutter e la spina può essere inserita completamente. Una volta terminata la ricarica, la spina può essere estratta semplicemente. Lo shutter si chiude subito automaticamente e i contatti sono nuovamente protetti dal contatto accidentale.
In sintesi
La soluzione con shutter per prese di ricarica Mennekes di tipo 2 è la chiave per uno standard unitario europeo per le prese di ricarica. Nella maggior parte dei Paesi si può utilizzare la presa normale di tipo 2. Laddove è richiesta una protezione ampliata dal contatto accidentale a causa delle consuetudini di installazione nell'ambito privato, si può utilizzare la presa di tipo 2 con shutter.
Dal punto di vista tecnico il tipo 2 convince comunque. Lo dimostrano anche le raccomandazioni dell'Associazione dei costruttori automobilistici europei ACEA e di BdEW, VDA, VDI (Associazione Ingegneri Tedeschi) e ZVEI nei relativi documenti di posizione. Con la soluzione con shutter per il tipo 2 dovrebbero essere confutate le riserve finora sostenute da alcuni rappresentati nazionali e pertanto essere possibile un voto unanime per il tipo 2 come standard di spina di ricarica per l'Europa.




Per saperne di più, siamo rivenditori MENNEKES 



Torna lla Home Page


 
info@pointsistemi.it